La televisione italiana
 

Grande riconoscimento per la scienza italiana

Roberto Rosoni 15 Set 2017 11:21
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare, abc, il
Fri, 15 Sep 2017 11:06:51 +0200, ha scritto in it.media.tv a proposito
di "Grande riconoscimento per la scienza italiana":

> https://youtu.be/yNwLfRpNHhI?t=4244

Beh, guarda che l'IgNobel è davvero un riconoscimento importante... :-)

--
Roberto Rosoni
Roberto 15 Set 2017 11:28
"abc" ******* xx.it> ha scritto nel messaggio
news:opg576$lqg$1@gioia.aioe.org...
> https://youtu.be/yNwLfRpNHhI?t=4244

stronzate da comunisti statali.
abc 15 Set 2017 11:50
Il 15/09/2017 11.21, Roberto Rosoni ha scritto:
> Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare, abc, il
> Fri, 15 Sep 2017 11:06:51 +0200, ha scritto in it.media.tv a proposito
> di "Grande riconoscimento per la scienza italiana":
>
>> https://youtu.be/yNwLfRpNHhI?t=4244
>
> Beh, guarda che l'IgNobel è davvero un riconoscimento importante... :-)
>
>

Infatti il mio post non era affatto ironico!
SR2 15 Set 2017 11:51
Il 15/09/2017 11:06, abc ha scritto:
> https://youtu.be/yNwLfRpNHhI?t=4244

Non ho capito il senso della ricerca e non ho tempo di cercare info adesso.
Mancanza di riconoscimento facciale in gemelli identici??
Che significa?

Mi ha incuriosito...
abc 15 Set 2017 11:58
Il 15/09/2017 11.28, Roberto ha scritto:
> "abc" ******* xx.it> ha scritto nel messaggio
> news:opg576$lqg$1@gioia.aioe.org...
>> https://youtu.be/yNwLfRpNHhI?t=4244
>
> stronzate da comunisti statali.
>
>

Tra un anno:

"Premio IgNobel 2018 in virologia a Roberto per la scoperta della
contaminazione da virus comunista statale nel premio IgNobel" ;-)
abc 15 Set 2017 12:10
Il 15/09/2017 11.51, SR2 ha scritto:
> Il 15/09/2017 11:06, abc ha scritto:
>> https://youtu.be/yNwLfRpNHhI?t=4244
>
> Non ho capito il senso della ricerca e non ho tempo di cercare info adesso.
> Mancanza di riconoscimento facciale in gemelli identici??
> Che significa?
>
> Mi ha incuriosito...

“Il riconoscimento del proprio volto è un processo complesso, di cui i
bambini diventano capaci solo intorno ai due anni di età”, raccontano a
Wired Matteo Martini, della University of East London, e Ilaria
Bufalari, della Fondazione Santa Lucia di Roma, autori dello stu*****
pubblicato su Plos One insieme a Maria Antonietta Stazi del Registro
nazionale Gemelli e dell’Istituto superiore di sanità e Salvatore Maria
Aglioti della Sapienza Università di Roma.

“Per riuscirci il cervello si basa su un’immagine mentale del nostro
volto che si forma quando ci guardiamo allo specchio e vediamo che
l’immagine riflessa si muove come noi, e che le informazioni sensoriali
che arrivano dal corpo sono congruenti con il fatto che si tratti del
nostro viso”. Normalmente si tratta di un’immagine così radicata che
bastano pochi istanti per riconoscere una foto del proprio volto da
quella del volto di un’altra persona.

Ma come hanno dimostrato i nostri premi IgNobel, per due gemelli
monozigoti le cose si fanno più complesse: difficilmente riescono a
distinguere la propria foto da quella del gemello nel tempo di una breve
occhiata. E quindi? “Evidentemente in questi casi la rappresentazione
del proprio volto coincide con quella del viso del gemello – continuano
i due ricercatori – e per riconoscersi probabilmente diventano più
importanti altre informazioni sensoriali provenienti dal corpo”. Capire
quali sarà l’obbiettivo delle prossime ricerche. In ogni caso, spiegano
Martini e Bufalari, quello dei gemelli è un caso anomalo e interessante,
che ci potrà aiutare a comprendere più a fondo i processi con cui il
nostro cervello identifica il sé corporeo, cioè l’immagine mentale che
abbiamo del nostro corpo. E se nel frattempo la ricerca strappa qualche
sorriso, non è certo un problema. “All’inizio non volevamo crederci, ma
quando ci siamo resi conto di aver vinto realmente il premio IgNobel è
stata una bella soddisfazione – concludono i due ricercatori – non
capita tutti i giorni di salire su un palco in compagnia di un premio
Nobel, e il premio non fa che dare visibilità alla nostra ricerca”
Roberto Rosoni 15 Set 2017 12:31
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare, abc, il
Fri, 15 Sep 2017 12:10:15 +0200, ha scritto in it.media.tv a proposito
di "Re: Grande riconoscimento per la scienza italiana":

> E se nel frattempo la ricerca strappa qualche
> sorriso, non è certo un problema. “All’inizio non volevamo crederci, ma
> quando ci siamo resi conto di aver vinto realmente il premio IgNobel è
> stata una bella soddisfazione – concludono i due ricercatori – non
> capita tutti i giorni di salire su un palco in compagnia di un premio
> Nobel, e il premio non fa che dare visibilità alla nostra ricerca”

Tra i miei preferiti: "Chewing gum flavor affects measures of global
complexity of multichannel EEG"
(Comparazione di elettroencefalogrammi mentre si masticano chewing gum
di differenti gusti)

--
Roberto Rosoni
Loreto 15 Set 2017 13:36
Roberto <powerlifting@libero.it> wrote:
>>
>> "Il riconoscimento del proprio volto è un processo complesso, di cui i
>> bambini diventano capaci solo intorno ai due anni di età", raccontano a
>> Wired Matteo Martini, della University of East London, e Ilaria Bufalari,
>> della Fondazione Santa Lucia di Roma, autori dello stu***** pubblicato su
>> Plos One insieme a Maria Antonietta Stazi del Registro nazionale Gemelli e
>> dell'Istituto superiore di sanità e Salvatore Maria Aglioti della Sapienza
>> Università di Roma.
>
> devono fare la fine di regeni questi.

Ma non era 'libro e moschetto' una volta? Ma persino quelli ci dovete far
rimpiangere?

--
olé
SR2 15 Set 2017 15:33
[cut]
> sorriso, non è certo un problema. “All’inizio non volevamo crederci, ma
> quando ci siamo resi conto di aver vinto realmente il premio IgNobel è
> stata una bella soddisfazione – concludono i due ricercatori – non
> capita tutti i giorni di salire su un palco in compagnia di un premio
> Nobel, e il premio non fa che dare visibilità alla nostra ricerca”


Grazie.
Col senno di poi ho vinto il premio sfaticato di usenet...
:-)

Personalmente non la trovo così scema.
Giudicando solo il singolo step può apparire b*****e.
Ma, come dicono pure gli interessati, il punto di vista è più ampio.
Roberto Rosoni 15 Set 2017 15:46
Probabilmente perché proprio non aveva niente di meglio da fare, Loreto,
il Fri, 15 Sep 2017 11:36:40 -0000 (UTC), ha scritto in it.media.tv a
proposito di "Re: Grande riconoscimento per la scienza italiana":

> Roberto <powerlifting@libero.it> wrote:
>>>
>>> "Il riconoscimento del proprio volto è un processo complesso, di cui i
>>> bambini diventano capaci solo intorno ai due anni di età", raccontano a
>>> Wired Matteo Martini, della University of East London, e Ilaria Bufalari,
>>> della Fondazione Santa Lucia di Roma, autori dello stu***** pubblicato su
>>> Plos One insieme a Maria Antonietta Stazi del Registro nazionale Gemelli e
>>> dell'Istituto superiore di sanità e Salvatore Maria Aglioti della Sapienza

>>> Università di Roma.
>>
>> devono fare la fine di regeni questi.
>
> Ma non era 'libro e moschetto' una volta? Ma persino quelli ci dovete far
> rimpiangere?

Davvero. Mussolini chiamò Gentile a rimettere a posto la scuola.
Questi chiamerebbero un partecipante di "Amici"...

--
Roberto Rosoni

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La televisione italiana | Tutti i gruppi | it.media.tv | Notizie e discussioni media tv | Media tv Mobile | Servizio di consultazione news.