La televisione italiana
 

Ma quanti di voi sono

Delta11 30 Set 2017 21:12
pronti a morire per questo paese di *******

Fratelli d’Italia
L’Italia s’è desta,
Dell’elmo di Scipio
S’è cinta la testa.
Dov’è la Vittoria
Le porga la chioma,
Ché schiava di Roma
Id***** la creò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi,
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica
Bandiera, una speme
Di fonderci insieme
Già l’ora suonò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Uniamoci, amiamoci,
L’unione, e l’amore
Rivelano ai Popoli
Le vie del Signore;
Giuriamo far libero
Il suolo natio:
Uniti per ******* Chi vincer ci può?

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Dall’Alpi a Sicilia
Dovunque è Legnano,
Ogn’uom di Ferruccio
Ha il cuore, ha la mano,
I bimbi d’Italia
Si chiaman Balilla,
Il suon d’ogni squilla
I Vespri suonò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Son giunchi che piegano
Le spade vendute:
Già l’Aquila d’Austria
Le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia,
Il sangue Polacco,
Bevè, col cosacco,
Ma il cor le bruciò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.


MAMELIIIIIII ...... ma va acagà và PIRLA!

--
Quando la dittatura è un dato di fatto, la rivoluzione diventa un diritto.
(Victor Hugo)
Delta11 30 Set 2017 21:13
pronti a morire per questo paese di *******

Fratelli d’Italia
L’Italia s’è desta,
Dell’elmo di Scipio
S’è cinta la testa.
Dov’è la Vittoria
Le porga la chioma,
Ché schiava di Roma
Id***** la creò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Noi siamo da secoli
Calpesti, derisi,
Perché non siam popolo,
Perché siam divisi.
Raccolgaci un’unica
Bandiera, una speme
Di fonderci insieme
Già l’ora suonò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Uniamoci, amiamoci,
L’unione, e l’amore
Rivelano ai Popoli
Le vie del Signore;
Giuriamo far libero
Il suolo natio:
Uniti per ******* Chi vincer ci può?

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Dall’Alpi a Sicilia
Dovunque è Legnano,
Ogn’uom di Ferruccio
Ha il cuore, ha la mano,
I bimbi d’Italia
Si chiaman Balilla,
Il suon d’ogni squilla
I Vespri suonò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.

Son giunchi che piegano
Le spade vendute:
Già l’Aquila d’Austria
Le penne ha perdute.
Il sangue d’Italia,
Il sangue Polacco,
Bevè, col cosacco,
Ma il cor le bruciò.

Stringiamoci a coorte,
siam pronti alla morte.
Siam pronti alla morte,
l’Italia chiamò.


MAMELIIIIIII ...... ma va acagà và PIRLA!

--
Quando la dittatura è un dato di fatto, la rivoluzione diventa un diritto.
(Victor Hugo)
ramen.asahi@gmail.com 30 Set 2017 21:21
Il giorno sabato 30 settembre 2017 21:13:39 UTC+2, Delta11 ha scritto:
> pronti a morire per questo paese di *******
>
> Fratelli d’Italia
> L’Italia s’è desta,
> Dell’elmo di Scipio
> S’è cinta la testa.
> Dov’è la Vittoria
> Le porga la chioma,
> Ché schiava di Roma
> Id***** la creò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Noi siamo da secoli
> Calpesti, derisi,
> Perché non siam popolo,
> Perché siam divisi.
> Raccolgaci un’unica
> Bandiera, una speme
> Di fonderci insieme
> Già l’ora suonò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Uniamoci, amiamoci,
> L’unione, e l’amore
> Rivelano ai Popoli
> Le vie del Signore;
> Giuriamo far libero
> Il suolo natio:
> Uniti per ******* > Chi vincer ci può?
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Dall’Alpi a Sicilia
> Dovunque è Legnano,
> Ogn’uom di Ferruccio
> Ha il cuore, ha la mano,
> I bimbi d’Italia
> Si chiaman Balilla,
> Il suon d’ogni squilla
> I Vespri suonò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Son giunchi che piegano
> Le spade vendute:
> Già l’Aquila d’Austria
> Le penne ha perdute.
> Il sangue d’Italia,
> Il sangue Polacco,
> Bevè, col cosacco,
> Ma il cor le bruciò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
>
> MAMELIIIIIII ...... ma va acagà và PIRLA!
>
> --
> Quando la dittatura è un dato di fatto, la rivoluzione diventa un diritto.
> (Victor Hugo)

Concordo, tutta la ******* risorgimentale e' come una palla al piede.

Pensavo all'inno dei Borbone.
Molto piu serio, melo*****so.
doppio..massimo 30 Set 2017 21:26
Delta11 wrote:

> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
>
> MAMELIIIIIII ...... ma va acagà và PIRLA!

puoi sempre farlo stupr... cantare alla ricciarelli

--
Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare

B. Blutarski
Dott. Salvini (immortale) 30 Set 2017 21:39
Il giorno sabato 30 settembre 2017 21:13:39 UTC+2, Delta11 ha scritto:
> pronti a morire per questo paese di *******
>
> Fratelli d’Italia
> L’Italia s’è desta,
> Dell’elmo di Scipio
> S’è cinta la testa.
> Dov’è la Vittoria
> Le porga la chioma,
> Ché schiava di Roma
> Id***** la creò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Noi siamo da secoli
> Calpesti, derisi,
> Perché non siam popolo,
> Perché siam divisi.
> Raccolgaci un’unica
> Bandiera, una speme
> Di fonderci insieme
> Già l’ora suonò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Uniamoci, amiamoci,
> L’unione, e l’amore
> Rivelano ai Popoli
> Le vie del Signore;
> Giuriamo far libero
> Il suolo natio:
> Uniti per ******* > Chi vincer ci può?
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Dall’Alpi a Sicilia
> Dovunque è Legnano,
> Ogn’uom di Ferruccio
> Ha il cuore, ha la mano,
> I bimbi d’Italia
> Si chiaman Balilla,
> Il suon d’ogni squilla
> I Vespri suonò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Son giunchi che piegano
> Le spade vendute:
> Già l’Aquila d’Austria
> Le penne ha perdute.
> Il sangue d’Italia,
> Il sangue Polacco,
> Bevè, col cosacco,
> Ma il cor le bruciò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
>
> MAMELIIIIIII ...... ma va acagà và PIRLA!
>
> --
> Quando la dittatura è un dato di fatto, la rivoluzione diventa un diritto.
> (Victor Hugo)

iO ANCHE SUBITO.
Per la mia famiglia.
Per questo paese COL*****O, COME STA MESSO OGGI.

L'IMMORTALE
Morgan 30 Set 2017 21:42
Il 30/09/2017 21:13, Delta11 ha scritto:
>
> pronti a morire per questo paese di *******
>
> Fratelli d’Italia
> L’Italia s’è desta,
> Dell’elmo di Scipio
> S’è cinta la testa.
> Dov’è la Vittoria
> Le porga la chioma,
> Ché schiava di Roma
> Id***** la creò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Noi siamo da secoli
> Calpesti, derisi,
> Perché non siam popolo,
> Perché siam divisi.
> Raccolgaci un’unica
> Bandiera, una speme
> Di fonderci insieme
> Già l’ora suonò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Uniamoci, amiamoci,
> L’unione, e l’amore
> Rivelano ai Popoli
> Le vie del Signore;
> Giuriamo far libero
> Il suolo natio:
> Uniti per ******* > Chi vincer ci può?
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Dall’Alpi a Sicilia
> Dovunque è Legnano,
> Ogn’uom di Ferruccio
> Ha il cuore, ha la mano,
> I bimbi d’Italia
> Si chiaman Balilla,
> Il suon d’ogni squilla
> I Vespri suonò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
> Son giunchi che piegano
> Le spade vendute:
> Già l’Aquila d’Austria
> Le penne ha perdute.
> Il sangue d’Italia,
> Il sangue Polacco,
> Bevè, col cosacco,
> Ma il cor le bruciò.
>
> Stringiamoci a coorte,
> siam pronti alla morte.
> Siam pronti alla morte,
> l’Italia chiamò.
>
>
> MAMELIIIIIII ...... ma va acagà và PIRLA!
>

Ma scherzi? Il concetto dell'inno, mai come adesso
sta tornando in auge, tragicamente significativo.
Senti che roba:
> Noi siamo da secoli
> Calpesti, derisi,
> Perché non siam popolo,
> Perché siam divisi.
> Raccolgaci un’unica
> Bandiera, una speme
> Di fonderci insieme
> Già l’ora suonò.
Sembra appena scritto, tristemente attuale.
Riguardo al morire per la Patria, certo non ci
pensa nessuno, ma una volta funzionava così e se
adesso, oggi, noi ci prendiamo gioco della storia
stando comodamente sbracati tra tastiera e monitor.
Non dobbiamo dimenticare quanto sangue è costato,
magari anche da parte di un tuo antenato; quindi non
siamo troppo ingiusti, financo strafottenti e riflettiamo
sul fatto che zimbelli eravamo e tali siamo rimasti.
Concludo con una LODE a Goffredo di Mameli. Grande.


--
Castruccio Castracani 30 Set 2017 21:55
Il 30/09/2017 21:13, Delta11 ha scritto:
>
> pronti a morire per questo paese di *******
>


Morire per questo paese di ******* no.

:-(

Però sul morire per liberare dalla ******* questo altrimenti bellissimo
Paese sono più possibilista.

:-)

°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*

Il Viminale presenta il piano per integrare i profughi: disintegrare gli
italiani.

>
(Spinoza) (Birbo) (Quindi è per integrare i profughi che ci stanno
facendo neri?)
Namibz 30 Set 2017 21:58
Il 30/09/2017 21:55, Castruccio Castracani ha scritto:

> Morire per questo paese di ******* no.

Spero almeno tu voglia morire per farci un piacere.

--
Namib
---
Die Arbeiter haben kein Vaterland (Karl Marx)
Morgan 30 Set 2017 21:59
Il 30/09/2017 21:55, Castruccio Castracani ha scritto:
> Il 30/09/2017 21:13, Delta11 ha scritto:
>>
>> pronti a morire per questo paese di *******
>>
>
>
> Morire per questo paese di ******* no.
>
> :-(
>
> Però sul morire per liberare dalla ******* questo altrimenti bellissimo
> Paese sono più possibilista.
>
> :-)
>
> °*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*
>
> Il Viminale presenta il piano per integrare i profughi: disintegrare gli
> italiani.
>
>>
> (Spinoza) (Birbo) (Quindi è per integrare i profughi che ci stanno
> facendo neri?)
>
>
>

Bravissimo, poche parole ma significative; approvo e sottoscrivo.

--
Castruccio Castracani 30 Set 2017 22:02
Il 30/09/2017 21:58, Namibz ha scritto:
> Il 30/09/2017 21:55, Castruccio Castracani ha scritto:
>
>> Morire per questo paese di ******* no.
>
> Spero almeno tu voglia morire per farci un piacere.
>


Ti accontenti di troppo poco però, possibile che tu non abbia ambizioni
più alte?

;-)

°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*
Stupri, la Boldrini: «Nuove tutele e più misure contro uomini violenti».
Boh… io una volta usavo lo XL e mi sembrava fosse più che sufficiente.

>
(Spinoza) (Birbo) (Ma saranno queste le misure che intendeva?)
ilChierico 1 Ott 2017 00:15
On 30/09/2017 21:12, Delta11 wrote:

> pronti a morire per questo paese di *******

"Di cosa avete paura, sono palle di cannone queste, non palle di ******* "
(cit.)
Namibz 1 Ott 2017 08:14
Il 30/09/2017 22:02, Castruccio Castracani ha scritto:
> Il 30/09/2017 21:58, Namibz ha scritto:
>> Il 30/09/2017 21:55, Castruccio Castracani ha scritto:
>>
>>> Morire per questo paese di ******* no.
>>
>> Spero almeno tu voglia morire per farci un piacere.
>>
>
>
> Ti accontenti di troppo poco però
Effettivamente :)
--
Namib
---
Die Arbeiter haben kein Vaterland (Karl Marx)
Luigino Ferrari 1 Ott 2017 09:17
On Sat, 30 Sep 2017 21:13:36 +0200, Delta11 <delta11NSP@email.it>
wrote:

>
>pronti a morire per questo paese di *******
>
Non la definisco certo di merta, ma neppure meritevole di donarli la
vita,

>Fratelli d’Italia
>L’Italia s’è desta,
>Dell’elmo di Scipio
>S’è cinta la testa.
>Dov’è la Vittoria
>Le porga la chioma,
>Ché schiava di Roma
>Id***** la creò.
>
>Stringiamoci a coorte,
>siam pronti alla morte.
>Siam pronti alla morte,
>l’Italia chiamò.
>
>Noi siamo da secoli
>Calpesti, derisi,
>Perché non siam popolo,
>Perché siam divisi.
>Raccolgaci un’unica
>Bandiera, una speme
>Di fonderci insieme
>Già l’ora suonò.
>
>Stringiamoci a coorte,
>siam pronti alla morte.
>Siam pronti alla morte,
>l’Italia chiamò.
>
>Uniamoci, amiamoci,
>L’unione, e l’amore
>Rivelano ai Popoli
>Le vie del Signore;
>Giuriamo far libero
>Il suolo natio:
>Uniti per ******* >Chi vincer ci può?
>
>Stringiamoci a coorte,
>siam pronti alla morte.
>Siam pronti alla morte,
>l’Italia chiamò.
>
>Dall’Alpi a Sicilia
>Dovunque è Legnano,
>Ogn’uom di Ferruccio
>Ha il cuore, ha la mano,
>I bimbi d’Italia
>Si chiaman Balilla,
>Il suon d’ogni squilla
>I Vespri suonò.
>
>Stringiamoci a coorte,
>siam pronti alla morte.
>Siam pronti alla morte,
>l’Italia chiamò.
>
>Son giunchi che piegano
>Le spade vendute:
>Già l’Aquila d’Austria
>Le penne ha perdute.
>Il sangue d’Italia,
>Il sangue Polacco,
>Bevè, col cosacco,
>Ma il cor le bruciò.
>
>Stringiamoci a coorte,
>siam pronti alla morte.
>Siam pronti alla morte,
>l’Italia chiamò.
>
>
>MAMELIIIIIII ...... ma va acagà và PIRLA!
dimonio99@gmail.com 1 Ott 2017 10:02
Il giorno domenica 1 ottobre 2017 09:17:18 UTC+2, Luigino Ferrari ha scritto:
> On Sat, 30 Sep 2017 21:13:36 +0200, Delta11 <delta11NSP@email.it>
> wrote:
>
>>
>>pronti a morire per questo paese di *******
>>
> Non la definisco certo di merta, ma neppure meritevole di donarli la
> vita,

Personalmente mi hanno frantumanto i beep fin da
piccolo facendoni disegnare milioni bandierine
tricolori in tutte le salse, raccontandomi che siccome
sono morti in milioni per questa sacra patria allora
significa che è cosa buona e giusta.
E quindi se è veramente cosa buona e giusta, nostro dovere
e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo
a sta beep di patria, e soprattutto è nostro dovere
pagare, pagare e ancora pagare.
Amen.
Luigino Ferrari 2 Ott 2017 07:26
On Sun, 1 Oct 2017 01:02:38 -0700 (PDT), dimonio99@gmail.com wrote:

>Il giorno domenica 1 ottobre 2017 09:17:18 UTC+2, Luigino Ferrari ha scritto:
>> On Sat, 30 Sep 2017 21:13:36 +0200, Delta11 <delta11NSP@email.it>
>> wrote:
>>
>>>
>>>pronti a morire per questo paese di *******
>>>
>> Non la definisco certo di merta, ma neppure meritevole di donarli la
>> vita,
>
>Personalmente mi hanno frantumanto i beep fin da
>piccolo facendoni disegnare milioni bandierine
>tricolori in tutte le salse, raccontandomi che siccome
>sono morti in milioni per questa sacra patria allora
>significa che è cosa buona e giusta.
>E quindi se è veramente cosa buona e giusta, nostro dovere
>e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo
>a sta beep di patria, e soprattutto è nostro dovere
>pagare, pagare e ancora pagare.
>Amen.

Sembra sia proprio cosi', ma non se quanto possa durare.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

La televisione italiana | Tutti i gruppi | it.media.tv | Notizie e discussioni media tv | Media tv Mobile | Servizio di consultazione news.